Lettera all’amata Ancona sulla problematica parcheggi disabili occupati

Cara Ancona, ti scrivo una lettera oggi perché è un giorno speciale per te. Sei molto cambiata! Sei diventata bella, luminosa. Ti sei vestita in festa. L’albero di natale, la ruota panoramica, mercatini e tante belle luci. Sei corteggiata e ammirata da tutti. Sono molto geloso lo sai?
Devo capire una cosa, perché non sono riuscito a vederti? Mi chiedo, perché non mi hai dato la possibilità almeno di vederti e ammirarti come tutti?
Forse ho capito! hai fatto parcheggiare nei posti per disabili persone che non avevano diritto! Vedi? mi tradisci, purtroppo ti ho scoperta! In Via Palestro c’era nel posto disabili un camioncino e un altro occupato da ben 2 macchine che forse non ci potevano stare. Poi Via San Martino piena di macchine e veicoli commerciali anche li non c’era posto. Mi giravo intorno tra il traffico e le vie limitrofe, ma niente. Ho cercato in tutti modi di vederti, anche cercando intorno al palazzo del comune ma, anche li era tutto occupato e chissà se avevano diritto? Più lontano non riuscivo a parcheggiare perché eri troppo distante per me e probabilmente trovavo altri posti occupati…
Va bene dai, per oggi ci lasciamo, l’amore può finire ma speriamo un giorno posso rivederti e chissà, forse ricominceremo insieme ad amarci più di prima.
Ti faccio tanti auguri Ancona, sei sempre bellissima! Auguri anche a quelle persone che hanno parcheggiato nei posteggi disabili e che non avevano diritto, natale si sta avvicinando e chissà se diventate più buoni e sensibili?
Il tuo amato,
Simone Giangiacomi

P.S:. Scusa Ancona, ma è molto probabile che verrà condivisa questa lettera, non ti offendere!

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *